Home > BLettere > [BlogLettera] Un nuovo episodio di vandalismo

[BlogLettera] Un nuovo episodio di vandalismo

28 ottobre 2010
Questa mattina mentre facevo quattro passi con il mio cane, passando in via Galimberti, a fianco dell’Argenteria ho visto che questa notte, (almeno così mi hanno detto alcune operaie che uscivano dal lavoro), hanno incendiato due cassonetti dei rifiuti.

Fortunatamente in quel punto c’è solo un muretto di recinzione, altrimenti i danni che comunque ci sono stati, potevano essere ancora maggiori. In tal senso pur comprendendo il malcontento generalizzato per gli aumenti della TIA, che in taluni casi sono stati anche considerevoli e la difficoltà che creano i nuovi cassonetti posti sulle strade, a causa delle strette feritoie per depositare i rifiuti, non concordo su questi atti di protesta vandalica.

La protesta in molti casi è giusta e deve essere democraticamente consentita, a condizione che rimanga in un ambito che non travalichi la civile convivenza e il rispetto dei beni comuni, in questo modo invece non solo non si ottengo risultati, ma si creano dei danni. I cassonetti dovranno essere sostituiti, l’asfalto della strada dovrà essere risistemato, così come il marciapiede bruciato, con conseguenti costi che poi ricadono su tutti i cittadini.
Allora mi domando, che diritto ha chi compie questi gesti vandalici di arrecare un danno a tutta la comunità, tra l’altro senza ottenere risultati, quindi oltre al danno anche la beffa? Mi auguro che questi gesti esecrabili, che devono essere condannati da tutti i cittadini perchè non sono nel proprio interesse non si ripetano. 

Agli autori di questo gesto e di altri che ci sono stati in passato, va ricordato che in un paese democratico i problemi non si risolvono con con la violenza, ma semmai con una protesta civile, verbale o con lettere da inviare ai media locali, giornali e siti internet, che come ho potuto personalmente constatare dimostrano di essere liberi e indipendenti, in quanto pubblicano quasi tutte le lettere che vengono inviate alle loro redazioni. 

A tale proposito l’esempio di Napoli dovrebbe essere significativo, in passato erano stati ripetutamente incendiati i cassonetti dei rifiuti, con il risultato che il problema non è stato risolto, come ci raccontano le cronache odierne. Ovviamente i due fatti in questione non sono nemmeno lontanamente paragonabili, ma è il principio che deve fare riflettere e cioè che gli atti vandalici e distruttivi, così come le guerre, non solo non risolvono i problemi e quindi non pagano mai, ma alla fine si ritorcono pure contro tutti.

Un abitante di Alessandria

Pier Carlo Lava
About these ads
Categorie: BLettere
  1. Pier Carlo
    30 ottobre 2010 alle 11:44 | #1

    Il giorno dopo l’atto vandalico con cui sono stati incendiati i cassonetti dei rifiuti.

    Restano ancora sconosiute le cause che hanno determinato il recente atto vandalico, con cui sono stati incendiati alcuni cassonetti dei rifiuti in via Galimberti, il gesto di un piromane oppure un inutile atto di protesta.

    Indipendentemente dai motivi che lo hanno originato, si tratta di un gesto che va condannato, e a quanto pare considerando che sul fatto non si hanno notizie, anche il colpevole risulta ancora ignoto, in seguito si vedrà se ci saranno degli sviluppi, oppure se non si scoprirà chi ha compiuto il gesto e quindi anche i motivi resteranno sconosciuti.

    L’AMIU è comunque prontamente intervenuta, provvedendo a sostituire i cassonetti bruciati con altri nuovi che sono stati collocati nei pressi.

    Sul posto a distanza di nemmeno 48 ore, persiste un forte odore di bruciato e sull’asfalto restano ancora delle tracce evidenti così come sul marciapiede, ora il comune avrà il compito di provvedere a sistemarli entrambi.

    Ovviamente in seguito ai cittadini (che sono sempre quelli che alla fine pagano), verra presentato il conto dei danni.

    Un abitante di Alessandria
    Pier Carlo Lava

I commenti sono chiusi.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 28 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: