Home > Editoriali > Il KGB a Palazzo Rosso? Ma dai…

Il KGB a Palazzo Rosso? Ma dai…

29 luglio 2011

“Hai saputo, il KGB si sta impossessando di Palazzo Rosso..”. Un amico mi dà di gomito virtualmente, e mi gira la lettera del consigliere Bocchio, pubblicata a parte, sulla visita della Guardia di Finanza negli uffici del ragioniere capo del Comune di Alessandria.

Bocchio è uno che non si tira mai indietro, quando c’è da fare delle figuracce. A me però è simpatico, e un altro commento amichevole dice: “almeno lui prende posizione, i suoi compagni di partito sono scomparsi, e l’opposizione fa il pesce in barile”.

Sì, va bene, parlando si dimostra di esistere. Ma poi? Insomma, davvero Bocchio (ma anche tutto il centro destra che ha approvato il bilancio 2010) pensava che una così forte discrepanza sui numeri (7 milioni e rotti di euro) potesse passare “in cavalleria” come semplice querelle politica? Quella sì che sarebbe stata l’ennesima pagliacciata, caro Mario.

Qui una delle due parti l’ha fatta fuori dal vaso, e stiamo parlando di soldi degli alessandrini, non del Pdl o del Pd. Per cui, chiunque abbia deciso di procedere con le verifiche ha tutto il nostro plauso di cittadini, e speriamo di sapere presto come stanno davvero le cose. Le eventuali conseguenze giudiziarie le lasciamo ovviamente a chi di competenza, mentre quelle politiche, sia che si stabilisca che è tutto regolare, sia che ci sono state “forzature” o peggio, spetteranno agli elettori, nel vicino 2012.

Intanto però non si può non rilevare nel tono della missiva di Bocchio un po’ lo stile del bimbo che protesta con il coetaneo perchè quell’altro è venuto meno ad un tacito patto, chiamando la mamma di fronte ad una presunta ingiustizia, invece di regolare i conti senza interferenze. Che è esattamente la sensazione da parco giochi per l’infanzia (non a caso quasi esclusivamente maschile) che si ha talora seguendo le sedute del consiglio comunale. Le bambine, più sagge, di solito han di meglio da fare che giocare alla politica.

E. G.

Ps: nella foto un illustre esponente del KGB, che fece poi un carrierone.

About these ads
Categorie: Editoriali
  1. marco bidone
    29 luglio 2011 alle 07:44 | #1

    Bocchio non fa nient’altro che seguire la linea del suo partito: il colpevole non è chi commette il reato ma chi lo denuncia. Quanto poi al concetto di confronto democratico mi sembra che non sappia nemmeno di che cosa stia parlando. Che poi l’opposizione faccia il pesce in barile contrasta con le segnalazioni e le interrogazioni parlamentari intraprese: è grazie a queste che forse riusciremo a sapere come stanno le cose.

  2. 29 luglio 2011 alle 09:03 | #2

    Sull’opposizione il discorso è più articolato, e lo faremo. Diciamo che c’è chi vorrebbe far rosolare Fabbio, sperando di averlo come avversario debole e “impallinabile” alle prossime elezioni, e chi vorrebbe che se ne andasse subito. Ma appunto ne riparliamo. La “sparata” di Bocchio, invece, è evidente che si commenta da sè. Anche lì, nei prossimi giorni, ferie (loro, non mie) permttendo mi riprometto di intervistare qualcuno in grado di tentare un’analisi, e di dare risposte.

    E. G.

    • Giorgio
      29 luglio 2011 alle 10:21 | #3

      Fabbio è già rosolato a dovere e i suoi compagni di partito, Bocchio su tutti, non lo aiutano a uscire dal guado.

      Scusate, ma Caridi è ancora in carcere? Non ho più letto nulla sulla vicenda.

    • Enrica Bocchio
      3 agosto 2011 alle 16:58 | #4

      “nei prossimi giorni,ferie (loro, non mie) permettendo…ecc. ecc.”

      Ettore, visto che non sarà in ferie, posso invitarla ad una fresca serata di buona musica sotto le stelle?
      Naturalmente, tutti saranno i benvenuti!

      http://digilander.libero.it/josenrica/4_agosto.htm

  3. icittadiniprimaditutto
    29 luglio 2011 alle 13:22 | #5

    Premetto che dal mio punto di vista in questa situazione non saprei dire se è meglio stare zitti o fare certe commenti.
    il Consigliere Bocchio forse dimentica che i cittadini hanno il diritto di sapere e conseguentemente i giornalisti, hanno il dovere di informarli.
    Pertanto non vedo come in una libera democrazia si possa impedire all’opposizione di svolgere il proprio ruolo, del resto a parti invertite è molto probabile che la maggioranza avrebbe fatto altrettanto.
    In questo caso poi non si tratta di problemi relativamente marginali o comunque di minore importanza (seppur criticati da taluni), come le rose o la fontana, qui si mette in discussione il bilancio dell’Amministrazione Comunale (praticamente il bilancio della più importante società della nostra città), i cui risultati evidenziano se si è governato bene o male.
    Il bilancio del Comune giustamente non è ne di destra ne di sinistra, ma è innanzi tutto dei cittadini elettori, quindi a mio avviso è a questi che si deve rendere conto, i politici di tutti gli schieramenti non devono mai dimenticare di essere dei dipendenti lautamente pagati ed eletti per operare esclusivamente nell’interesse generale dei cittadini che sono gli unici azionisti di riferimento, a cui devono rispondere.
    Queste sono sacrosante considerazioni di carattere generale a cui tutti i politici dovrebbero ispirarsi e attenersi sempre, quanto poi alle eventuali conseguenze giudiziarie, lasciamo a chi di competenza il compito di fare chiarezza e stabilire come stanno esattamente le cose, cioè se c’è un utile di bilancio di circa 3,8M di euro come ha sempre sostenuto la maggioranza (in questo caso allora mandiamo avanti questi benedetti lavori pubblici di cui la nostra città ha un estremo bisogno), oppure se c’è un buco di bilancio di circa 5m di euro come sostiene l’opposizione, tra l’altro con il conforto dei revisori dei conti (che non mi pare si posa dire che sono dei revisori di sinistra …).
    I cittadini hanno il diritto di essere informati, quindi hai posteri l’ardua sentenza … !.

  4. 29 luglio 2011 alle 14:16 | #6

    Sì, temo per lui che l’ormai ex consigliere comunale Caridi sia ancora ospite del residence coatto di San Michele caro Giorgio.

    E. G.

  5. azionariato giovani
    29 luglio 2011 alle 16:54 | #7

    ndrangheta, bilanci fasulli, appalti oscurissimi, privatizzazioni\regalie altrettanto sospette, rose sfiorite, teatri e ponti abbattuti.. e tanta, tanta malafede.Eppoi saltan fuori i neofascisti “pseudo-ripuliti” che sena alcun pudore vorrebbero pretendere di buggerare il mondo… ma BASTA!, andate a casa, o a san Michele, che per certa gente dovrebbe essere lo stesso…

  6. 23 giugno 2013 alle 00:15 | #8

    I tend not to comment, however after reading a
    lot of comments on this page Il KGB a Palazzo Rosso?
    Ma dai | Amici di CorriereAl. I actually do have 2 questions for you if it’s allright. Could it be only me or does it look as if like a few of the remarks appear as if they are coming from brain dead people? :-P And, if you are writing at additional social sites, I would like to follow you. Could you post a list of every one of all your public sites like your twitter feed, Facebook page or linkedin profile?

I commenti sono chiusi.
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 28 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: