Home > In primo piano > Basso Piemonte tra vent’anni: quale sarà il nuovo Outlet?

Basso Piemonte tra vent’anni: quale sarà il nuovo Outlet?

19 aprile 2012

Ci sono delle carte vincenti che il nostro territorio può “giocare” per traghettarsi oltre la crisi? Tra logistica, fabbriche, grande distribuzione e Terzo Valico, su AlessandriaNews l’analisi a tutto campo del professor Pier Maria Ferrando (nella foto), preside della Facoltà di Economia dell’Università di Genova, e novese doc. Buona lettura!

E. G.

Annunci
Categorie:In primo piano
  1. mauriziofava
    21 aprile 2012 alle 01:46

    mi sembra che l’amico e compagno Piero sul Terzo Valico sia un po’ troppo ottimista.
    Scommetto con lui un aperitivo da Carletto che l’opera inutile per la quale ci hanno scippato la pensione a favore di impregilo e politici amici verrà a costare ben più di tre volte quello che i medesimi binari costerebbero all’estero.
    Per quanto riguarda l’Outlet, ci sono forti segnali che sembrano confermare che ci siano difficoltà, e se dovesse iniziare il declino sarebbe piuttosto repentino, come sempre succede nel mondo della distribuzione. In quel caso, si scoprirebbe che quei “posti di lavoro” erano un moloch a (breve) termine a cui si sono sacrificati investimenti e strategie di territorio, e che gli unici che ci hanno davvero guadagnato sono quelli che hanno beneficiato delle varianti di prg e che hanno realizzato le strutture.
    I soliti noti, insomma.

  2. TM
    22 aprile 2012 alle 16:31

    intanto sul presunto (?9 percorso del futuro (?) terzo valico fioriscono capannoni vuoti su quelli che erano bei campi. chissà perché.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: