Home > Politica > Le belle compagnie

Le belle compagnie

20 aprile 2012

Bossi, Rutelli, D’Alema, Alfano.
Non so a voi, ma a me qualche gesto scaramantico di fronte ad un poker simile pare legittimo. E non si può non esprimere solidarietà umana, se non politica, ai candidati sindaco alessandrini ad essi collegati, che devono correre con simili handicap.

Faccio eccezione per Vendola (per il quale come sapete ho un debole dichiarato, anche se non esente da future verifiche) e per Renzi, che può piacere o meno ma almeno non è un cadavere da museo delle cere, con annessi scheletri nell’armadio.

Tra tutti il premio sòla dell’anno lo darei comunque a er Cicoria, che incontrerà i suoi sostenitori in un ex bar (ma cos’è un ex bar?), immagino con l’obiettivo di fare il pienone. Attenzione però: ho qualche amico, ex Margherita e in perfetta buona fede (ci metterei la mano sul fuoco) che potrebbe presentarsi per chiedere il rimborso di denari smenati personalmente per la causa, quindi qualcuno avverta il Rutellone di passare da Alessandria senza contanti.

Poi c’è D’Alema, che anche nel girone della sfiga è sempre il più dritto della compagnia di giro, perché se ho capito bene ha deciso di incontrare solo i funzionari del partito, e i giornalisti. Il popolo non lo merita, e in fondo non lo ha mai compreso completamente.

Pensino, i numerosi candidati di liste civiche locali, a quale vantaggio competitivo si sta regalando loro in questi giorni, e gioiscano.

Torniamo seri per un attimo però, compatibilmente col tema. L’unico vero big popolare di questa campagna elettorale è Beppe Grillo. Quella serata lì (4 maggio mi pare, ma ne riparliamo), se Giove Pluvio non ci mette lo zampino, ci sarà più gente che per tutti gli altri rosari da vecchia politica messi assieme. E soprattutto sarà gente normale, non vetusti apparati costretti a fingere di crederci.

Il che, naturalmente, non significa in automatico che i 5 Stelle abbiano la ricetta per salvare l’Italia, o Alessandria. Ma è una misura dell’insofferenza (destinata a crescere ulteriormente, peraltro) della popolazione per un ceto politico che ci appare sempre più avulso dalla realtà, e privo di credibilità alcuna. Ma che non ha nessuna intenzione di farsi da parte volontariamente.

E. G.  

 

Annunci
Categorie:Politica
  1. Graziella (gzl)
    20 aprile 2012 alle 07:39

    Hanno un bel coraggio presentarsi nelle “periferie” italiane. comunque:

    tranquilli: Rutelli tempo fa ( in tempi meno sospetti) ad una trasmissione su RAI/3 dichiarò che in tasca non ha mai un centesimo (se le rivoltò pure in diretta) e che il suo conto in banca è sofferente. D’altra parte lui “san francesco” lasciava a Lusi la gestione contabile del partito morto: la margherita. Da benefattore non chiedeva nulla e non voleva sapere nulla. Quindi si presenterà giocoforza con le tasche vuote, semmai simpatizzanti e candidati facessero una colletta.

    D’Alema: e meno male che degna la sua “preziosa” presenza SOLO ai notabili alessandrini del suo partito e corrente. personalmente neanche mi pagassero andrei anche solo ad osservarlo da lontano solo per far numero di presenza. E’ ambiguo e come molti altri inutile alla causa del paese , figuriamoci della città. D’altra parte se Forattini lo disegnava senza volto un motivo ci sarà.

    Grillo: il movimento monterà dopo tutti gli scandali nazionali ma ci vorrà tempo prima che da “stato brado o alla carlona ” diventi “organizzato operativo” ……..speriamo che nel tempo non faccia la fine della Lega, purtroppo chi va al mulino si infarina. Una nota su Grillo: tempo fa lo andai ad acoltare a Cairo Montenotte. La piazza era strapiena e quando iniziò in ogni battuta urlava parolacce in cui “vaffan culo” era la più accettabile. Ad ogni “vaffan” la gente si eccitava , urlando a sua volta battendo le mani, mi parevano dei barbari….delusa me ne sono andata. Forse è migliorato.

    Vendola: nulla da dire sulla sua persona, ma non mi piace il SEL….nei miei impegni di democrazia diretta ho avuto modo di conoscere e non mi è piaciuto ciò che ho rilevato.

  2. gabriele cubisino
    20 aprile 2012 alle 09:00

    Vendola è il contrario di Formigoni nell’intendere il pubblico/privato nella Sanità, ma entrambi responsabili almeno politicamente degli scandali, il nascondersi dietro il “non lo sapevo” che funziona solo in Italia, altrove si dimettono. Renzo è per la trasparenza il rinnovamento, una nuova politica per i cittadini, forse ha grandi opportunità ma se si sgancia dal partito, la storia insegna che è impossibile il ricambio generazionale e il rinnovamento vero al loro interno, il futuro nelle amministrazioni sono le liste civiche.
    Riguardo le belle compagnie, 5 sono in politica direttamente ed eletti mentre uno ( Grillo ) no e questo sembra un tentativo di fare di tutte le erbe un fascio mi sa di qualunquismo.
    Beppe presenta solo delle liste civiche e non ha responsabilità politiche.

  3. CorriereAl
    20 aprile 2012 alle 09:21

    Legga con più attenzione Cubisino, la prego, prima di intervenire a vuoto….Grillo non l’ho mica messo nel mazzo delle belle compagnie. Anche da queste piccole cose noi elettori smarriti e delusi cerchiamo di formarci un’idea sulla sostanza dei 5 Stelle sul territorio, al di là delle corrette perplessità avanzate dalla signora Zaccone sulla politica del “vaffa”. Preparatissimo e serio, invece, il ragazzo del movimento che ieri sera era ospite di Santoro: non so il nome, ma meglio uno così di tutti i i big citati nel mio post. Comunque il 4 maggio a sentire Grillo saremo in tanti, è ovvio.

    E. G.

  4. gabriele cubisino
    20 aprile 2012 alle 09:47

    Nella comunicazione l’impatto mediatico è importante, posso mettere una foto di Totò Riina e a fianco quella del Presidente Obama e scrivere un’articolo sui fumatori e non fumatori.
    Poi uno dice ma ce c’entrano i due ? e rispondiamo non ha letto l’articolo.
    La mia critica riguarda solo l’ impatto della foto, dovrebbe convenire che è opinabile riguardo l’ articolo ho espresso solo un parere riguardo Vendola e Renzo gli altri non prendo neanche in considerazione di esprimere una mia opinione.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: