Home > In primo piano > Teatro Comunale: rilancio o capolinea?

Teatro Comunale: rilancio o capolinea?

15 giugno 2012

Ma, in fin dei conti, quando riaprirà il teatro Comunale di Alessandria, chiuso dal 2 ottobre 2010 (io c’ero, ahimé, la sera dell’annuncio, alla fine della seconda serata di Ring) per la sciagurata vicenda legata alle polveri d’amianto?

Al di là del balletto sui numeri che si sta anche in questo caso scatenando tra maggioranza e opposizione riguardo ai costi di completa bonifica (speriamo ci chiariscano presto se si tratta di 300 mila euro o 2 milioni, e soprattutto chi li pagherà: non ci doveva pensare chi ha causato il danno? Io così avevo capito…), rimane la grande incognita sul futuro della struttura, e della Fondazione Tra.

E pensare che, fino a pochi anni, si parlava con apparente concretezza addirittura di secondo teatro Stabile del Piemonte, progetto a quanto pare definitivamente archiviato (come il nuovo ospedale, il piano strategico e altre belle chimere). Oggi nessuno dei soci del Teatro Regionale Alessandrino (ossia Comune di Alessandria, Amag, Comune di Valenza, Regione Piemonte, Fondazione CrAl) ha più nessuna voglia di tenere in piedi un carrozzone in cui, a prescindere dal gigantesco pateracchio all’amianto, i conti non tornano per niente.

Sul tema leggetevi magari chi ne sa certamente più di me, e di tanti altri, ossia l’ex direttore del Tra, Franco Ferrari. Da semplice osservatore (e fruitore dell’offerta teatrale e cinematografica del Teatro Comunale, finché c’è stata) mi limito a constatare che, probabilmente, ci apprestiamo ad un’altra stagione in tono minore, con iniziative magari di buona volontà (e valorizzazione dei talenti artistici del territorio) “sparpagliate” in diverse strutture cittadine, e il Comunale ancora tristemente vuoto.

Sarà così? E che ne sarà dei 15 dipendenti a tempo indeterminato (7 dei quali attualmente in cassa integrazione)? In caso di scioglimento della Fondazione Tra saranno riassorbiti dai diversi (ex) soci, o incentivati a trovarsi un’altra occupazione?

Si parla, intanto, almeno della ripartenza di Ring, il festival della critica cinematografica che, dopo 9 edizioni presso il Teatro Comunale, nel 2011 è “saltato”.

Speriamo davvero che ad ottobre la manifestazione possa tornare a vivere, ai livelli qualitativi ai quali ci aveva abituati. E che sia il “traino” di una nuova politica culturale degna di questo nome. Certamente con pochi soldi, ma anche con qualche idea innovativa.

E. G.

Annunci
Categorie:In primo piano
  1. maria
    15 giugno 2012 alle 08:42

    Riguardo alla bonifica dovrebbe essere chiaro che la Switch (la ditta che aveva causato il disastro) sia tenuta a fare i lavori come risarcimento, però alcuni costi (tipo ricomprare poltrone, il nuovo impianto di riscaldamento, ecc) penso siano costi inevitabili.
    Per quanto riguarda i dipendenti sarebbe incredibile e vergognoso che fossero loro a rimetterci.
    Del resto le modalità di passaggio automatico dei dipendenti all’interno di strutture comunali ci sono sempre state. Come il passato insegna. Trovare una soluzione logica, che esiste, è solo questione di volontà di chi ha potere decisionale. Certo che, finché a comandare c’erano fabbio e i suoi accoliti (che non pagavano nemmeno le bollette dell’ENEL) di possibilità di trovare soluzioni ce ne erano poche, basti pensare alle false promesse e alle bugie sciorinate ai tempi della vicenda dei lavoratori a tempo determinato. Ora speriamo sia diverso!!!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: