Home > In primo piano > Discarica località Calogna operativa a settembre: ma quale futuro per Aral?

Discarica località Calogna operativa a settembre: ma quale futuro per Aral?

21 giugno 2012

L’area in via di allestimento tra Solero e Quargnento potrà smaltire circa 360 mila metri cubi di rifiuti urbani non pericolosi. Luigi Benzi (nella foto), vice presidente Aral: “ in corso ampio confronto con il Comune di Alessandria: è importante continuare a dar voce ai piccoli comuni”. Buona lettura su AlessandriaNews!

E. G.

Annunci
Categorie:In primo piano
  1. cittadino
    21 giugno 2012 alle 10:06

    Le discariche e gli inceneritori sono risposte davvero vecchie al problema dei rifiuti, e portano con se’ altri problemi futuri, di ordine ambientale e sanitario.
    Le soluzioni del futuro sono la differenziata spinta e il riciclo, come succede già in molte parti civili del mondo.
    Ma è chiaro che questo dovrebbe avvenire al netto di speculazioni di appaltatori e politici.

  2. Graziella (gzl)
    22 giugno 2012 alle 07:27

    oggi c’è molto di più che impiantare nuove discariche e mi meraviglio che nel 2012 si pensi ancora a questa metodologia quando le normative/direttive UE del 2010 sancivano che le discariche dovevano essere eliminate, ma fino a che la gestione del rifiuto è cassa, oro, business immenso si continuerà ad ignorare ciò che realtà più evolute, intelligenti non integraliste ed extremiste stanno gestendo questo settore.

    Comunque in molte parti civili del mondo il differenziare fino all’eccesso al punto che poi non riuscendo a ricliclare giocoforza sono costretti a impiantare discariche o bruciare in inceneritori di vecchia generazione, ma utilizzano ciò che la tecnica moderna, efficiente e non inquinante sforna puntualmente. Il mondo va avanti e chi ha il pallino in mano dei rifiuti non se ne accorge ma si sa siamo in Italia dove non funziona più nulla, funziona solo l’interesse personale.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: