Home > In primo piano > Raphael Rossi: “Discariche e inceneritori? Un costo ambientale insostenibile”

Raphael Rossi: “Discariche e inceneritori? Un costo ambientale insostenibile”

25 giugno 2012

“La raccolta differenziata è il futuro in tutta Europa: l’obiettivo è rifiuti zero, con un porta a porta premiante”. Forte di importanti esperienze a Torino, Napoli e Puglia, Rossi (nella foto) sarà stasera protagonista di un pubblico dibattito ad Alessandria. E sulle retribuzioni dei manager avverte “mai oltre i 100 mila euro”. Buona lettura su AlessandriaNews!

E. G.

Annunci
Categorie:In primo piano
  1. cittadino
    25 giugno 2012 alle 09:25

    i sinistri amici della rossa sono i soliti esterofili.
    Ho scritto le medesime cose giovedi scorso, ma si sono ben guardati da invitarmi come relatore a un convegno… 🙂

    21 giugno 2012 alle 10:06 | #1 Replica | Quota
    Le discariche e gli inceneritori sono risposte davvero vecchie al problema dei rifiuti, e portano con se’ altri problemi futuri, di ordine ambientale e sanitario.
    Le soluzioni del futuro sono la differenziata spinta e il riciclo, come succede già in molte parti civili del mondo.
    Ma è chiaro che questo dovrebbe avvenire al netto di speculazioni di appaltatori e politici.

  2. 25 giugno 2012 alle 09:54

    Nemo propheta in patria caro Cittadino: del resto Rossi stesso credo sia di Torino, e attualmente lavora in Puglia.

    E. G.

  3. 25 giugno 2012 alle 14:29

    E poi impregilo costruisce, gestisce, vende inceneritori……..scusate sono t-e-r-m-o-v-a-l-o-r-i-z-z-a-t-o-r-i. Provate a pronunciare la parola, vi riempe la bocca, vi appaga. E’ come se un ladro lo chiamassimo “diversamente onesto”, ah!, potenza della lingua……..Ma cosa valorizzano poi?, la diossina?, il mercurio?, il cadmio?, o l’acido cloridrico?.

  4. Graziella (gzl)
    25 giugno 2012 alle 16:40

    ahimè ….il peggio del passato ritorna:
    Raphael Rossi ex ESPER/Attilio Tornavacca&C = “porta a porta spinto” .

    ogni epoca produce un busines per qualcuno o comunque per pochi, in questo caso la stesura di progetti che “consigliano” il “porta a porta spinto” mascherandolo dal differenziare che è una azione diversa.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: