Home > BLettere > [BlogLettera] Ponte Meier: tornare in consiglio

[BlogLettera] Ponte Meier: tornare in consiglio

27 giugno 2012

E’ stata più volte lamentata, sotto la passata Amministrazione, la marginalizzazione del Consiglio Comunale da parte del Sindaco e della Giunta. Lo stretto minimalismo imposto al Consiglio – salvo “passatempi consultivi” di scarso peso – era forse formalmente legale  (con sentiti dubbi sulla mancanza, talora, di informazioni e documentazioni ai Consiglieri), ma politicamente e culturalmente significativa: il potere sia unico e indivisibile. Punto.

Abbastanza scontato, dunque, che dalla nuova Amministrazione ci si aspettino atteggiamenti più “aperti” nel senso di un confronto di base con  gli eletti in Comune e, loro tramite, con i partiti e i movimenti che li hanno espressi.

Il Ponte Meier è uno dei nodi che dovrebbero tornare in Consiglio. Vuoi per confermare  l’iter avviato dalla Giunta Fabbio (in attuazione dell’idea Calvo), vuoi per modificarlo più o meno sensibilmente, sospensione compresa. La storia che…ormai il treno è partito e non resta che far buon viso burocratico-finanziario, stride con gli allarmi drammatici propalati sulla tenuta dei conti comunali e con le previsioni divulgate circa le politiche lacrime-e-sangue preannunciate ai contribuenti. Se non sono circostanze eccezionali queste, che possono indurre a “riprendere in mano “ il contratto di costruzione per cercare una via d’uscita meno onerosa, o per rimettere in causa eventuali clausole-capestro, o per sospendere la partita,  non si vede quali altre.

Bisogna rimettere sulla bilancia, anche solo per un controllo tecnico-finanziario aggiornato al 30.6, gli elementi di costo del manufatto, le “aggiunte” già apportate, le “revisioni prezzo” prevedibili in base ai tempi e all’esperienza, nonché la famosa “penalità” di cui si parla in termini drammatici ma senza esplicitarla nelle condizioni e nelle dimensioni, e, infine le fonti di finanziamento, scalate secondo i diversi  gradi di affidabilità delle promesse rilasciate al Comune.

Indipendentemente da ciò che si può pensare di tutta l’avventura Ponte Meier, si è già detto che la “verifica in aggiornamento” può anche concludersi col disco verde  alla prosecuzione dei lavori come da progetto (nella sua non ben nota ultima edizione e dunque da precisare pubblicamente): l’importante, l’essenziale è che, in nome della sempre invocata trasparenza, l’operazione peso, verifica e conclusione avvenga in Giunta  e in Consiglio comunale con un franco dibattito.

Non ci sembra di chiedere molto, ma lo chiediamo con determinazione.

Associazione Arcipelago – Alessandria

Annunci
Categorie:BLettere
  1. francodellalba
    28 giugno 2012 alle 08:22

    Per quel poco che vale, quoto, condivido ed approvo! Ho detto tante volte che sono disposto ad aiutare, nel migliore dei modi a me possibili, qualsiasi organizzazione che decida di partire con un referendum in proposito. Non importa se abbia o meno valore, importa che si sappia una volta per tutte se l’Amministrazione interpreta il volere degli amministrati o fà quel ca…volo che le pare infischiandosene.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: