Home > BLettere > [BlogLettera] Dignità e diritti per i lavoratori immigrati

[BlogLettera] Dignità e diritti per i lavoratori immigrati

29 giugno 2012

Il Partito Democratico  della provincia di Alessandria esprime indignazione per la vicenda della Cascina Lazzaro a Castelnuovo Scrivia (AL), che ha portato alla luce la realtà di  40  lavoratori  stranieri fatti oggetto del più brutale sfruttamento, gravemente feriti nella loro dignità di esseri umani dalla negazione dei più elementari diritti. Allo stesso tempo, il PD esprime la propria preoccupazione per la loro sorte, anche a fronte delle precarie condizioni in cui queste persone sono costrette a vivere.

Quello di questi giorni è l’ennesimo caso di neo-schiavismo perpetrato nei confronti di immigrati: donne e uomini costretti a vivere in situazioni estreme, subendo giorno e notte soprusi, spremuti oltre ogni concepibile misura sul lavoro, a fronte della paga oraria di un euro, neppure corrisposta.
In un Paese la cui Costituzione fonda sul lavoro il principio stesso della dignità della persona fondato, e che proprio in questi giorni sta affrontando il difficile passaggio di una riforma dei meccanismi che ne regolano il mercato; in questo tempo di crisi e con il lavoro che manca,  i lavoratori stranieri sono una preda facile da colpire: l’anello più debole della catena, senza diritti e senza neppure la possibilità di far pesare la propria voce, ostaggi di un meccanismo normativo che, di fatto, subordina il loro destino di persone ai datori di lavoro.

Il risultato delle leggi sbagliate sull’immigrazione, emanate dalle destre negli ultimi anni, è dannoso su più fronti: favorisce le forme di una moderna e ripugnante schiavitù, alimenta attraverso il caporalato le orgnizzazioni criminali, rende impossibile un ordinato e proficuo processo di integrazione, rischia di mettere ulteriormente all’angolo il nostro Paese all’indice nei confronti dell’Unione Europea e delle Organizzazioni internazionali sul delicatissmo fronte dei diritti umani.
Il forum provinciale immigrazione del PD esprime solidarietà e vicinanza ai braccianti immigrati in lotta, che  da venerdì presidiano i terreni della ditta Lazzaro, per la quale lavoravano,  e intende sostenere ogni azione a sostegno dell’ottenimento del permesso di soggiorno e a tutela del loro diritto a un lavoro dignitoso.
Oggi pomeriggio saremo con loro per sostenere la loro lotta.

Naimi Sabah  
Responsabile Forum immigrazione PD Alessandria                                        

Daniele Borioli
Segretario Provinciale PD Alessandria

Annunci
Categorie:BLettere
  1. cittadino
    29 giugno 2012 alle 13:37

    Ma è vero che l’azienda che schiavizzava i lavoratori era associata alla CIA, sindacato di agricolo di area piddina?
    si predica bene e si razzola male?

  2. 29 giugno 2012 alle 14:34

    Non so. Sicuramente in questi giorni sui giornali on line si sono lette, da fonte Cia, parole imbarazzanti, che giova non dimenticare. E non venitemi a dire che sono i giornalisti ad aver capito male:

    http://www.alessandrianews.it/economia/cascina-lazzaro-attivita-sospesa-ma-lavoratori-non-mollano-13508.html

  3. Diogene di Sinope
    2 luglio 2012 alle 18:08

    Certo che coniarono il termine “Cinici” per insultarci, ci davano dei cani, a noi della scuola di Antistene, non capendo la nostra ricerca. Oggi, nella comune accezione del termine, mi sembra che la scuola dei cinici sia in piena attività. Dignità vorrebbe che chi ha sempre governato non si riempisse la bocca di grandi parole, quello che manca, di sicuro sono il rispetto ed il silenzio. Io, del resto, sono millenni che aspetto l’arrivo di un uomo onesto, ma mi sa che passeranno altri secoli. Cambiando discorso, oggi mi sono fatto quattro risate, rileggendo Diogene Laerzio, “Vite dei Filosofi”; riporta un episodio della mia vita che avevo dimenticato, certo che ero proprio matto e fiducia nel prossimo pochissima:
    “Olà uomini” gridò un giorno Diogene, e subito lo circondò una massa; ma egli la percosse col bastone, dicendo: “Uomini chiesi, non m**** “. (l’ha scritto l’altro Diogene, non prendetevela con me!)………

  4. Diogene di Sinope
    2 luglio 2012 alle 18:12

    Perfino Vladimir Ilic ha detto:”Non urlate tanto sul cinismo! Il cinismo non sta nelle parole che descrivono la realtà ma nella realtà stessa.”

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: