Home > BLettere > [BlogLettera] Terzo Valico: sono legali quegli espropri?

[BlogLettera] Terzo Valico: sono legali quegli espropri?

18 luglio 2012

Nei giorni scorsi sono arrivate ai cittadini di Arquata e Serravalle le prime lettere di esproprio dei terreni per i cantieri dell’ AV/AC Terzo Valico Genova -Tortona.

Come Federazione della Sinistra provinciale, riteniamo l’atto intrapreso dal Cociv lesivo della dignità della autonomia degli enti locali, ( comuni e provincia), che non sono stati ancora ascoltati realmente sulle loro esigenze e ragioni di preoccupazione per la tutela della salute dei cittadini, che non hanno ottenuto risposte concrete sulle opere compensative.

Inoltre, il Cociv non ha ancora messo a disposizione delle amministrazioni locali per visionarlo, il progetto esecutivo dell’ opera, e, quindi, malgrado un progetto esecutivo che resta mistero ‘della fede’, si parte con espropri e cantierizzazione relativa. Ci chiediamo se tutto ciò sia legale e non sia lesivo di quello ‘spirito federalista’ di cui per quindici anni tutte le forze politiche si sono riempite la bocca.

Per la Federazione della Sinistra provinciale
Simone Subrero Segr. Prov. PRC
Gianni Malfettani segr. Prov. PdCI

Annunci
Categorie:BLettere
  1. 18 luglio 2012 alle 22:18

    Sono arrivate le ultime notizie, tempestivamente, con i segnali di fumo!.
    E’ cominciata la rivoluzione!, nell’attesa dell’alba radiosa della vittoria del proletariato, vogliamo ricordarli così com’erano. duri e puri. Rivoluzionari si!, ma di “centro”.

  2. cittadino
    19 luglio 2012 alle 10:17

    Gli espropri del TAV di impregilo (smettete di pensare che sia un’opera pubblica, perchè di pubblico in questa truffa ci sono solo i nostri soldi) sono stati bloccati dai soli cittadini, che si sono spesi con generosità e decisione per fermarne l’esecuzione.
    Al contrario dei politici e amministratori locali, che salvo rarissime eccezioni hanno brillato per l’assenza quando addirittura non si sono schierati apertamente contro i cittadini, espropriati delle loro case, delle loro terre, della loro acqua, della loro salute, scegliendo di difendere i propri privilegi e le “amicizie importanti”
    Un altro esempio di quanto i politici siano ormai distanti dalla gente, se ancora ve ne fosse il bisogno.
    La politica vera non si farà più coi comunicati tardivi, e le ipocrisie dei falsi distinguo contraddette dai fatti e dai verbali di voto.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: