Home > In primo piano > Centro contro periferia, o tutti contro tutti?

Centro contro periferia, o tutti contro tutti?

23 ottobre 2012

Apriti cielo: Rita Rossa e Paolo Filippi aderiscono alla raccolta firme della Lega Nord, con cui si chiede che il 75% delle tasse rimangano nelle regioni di origine, e parte il dibattito. Anzi, via con gli slogan. Scelta scabrosa e indecente? I debiti danno alla testa? Ricordo che, negli anni Ottanta, girava una delle tante facezie di Andreotti: “i Verdi sono come i pomdodori: col tempo diventano rossi”. Sindaco di Alessandria e presidente della Provincia stanno invece diventando verde padano, per necessità? Oppure semplicemente hanno interpretato un’esigenza e un sentimento oggi assolutamente trasversali?

Naturalmente propendiamo per la seconda ipotesi. Anche se è evidente che la Lega Nord, dopo un annetto di massacro mediatico mica male (che naturalmente si è in gran parte meritata) sta provando con la gestione Maroni a tornare a far politica vera, sul territorio. E naturalmente le vicende di casa nostra, tra dissesto e “indifferenza” delle istituzioni centrali, non possono che offrire a simili iniziative un ampio consenso.

Ma la vicenda del rapporto tra centro e periferia è seria davvero, soprattutto in questa fase drammatica per le finanze pubbliche del Paese, e ancor più per un numero crescente di cittadini: la coperta è corta, sempre di più. Per cui l’atteggiamento alla Ponzio Pilato del governo Monti, che sta “scaricando” sugli enti locali il costo reale della crisi, non può che generare alleanze trasversali tra forze politiche e amministratori che stanno sperimentando “sul campo” l’impossibilità di far quadrare i conti, al contempo continuando a rispondere alle esigenze minime di prestazioni e servizi destinati al territorio.

Parliamoci chiaro: gli enti locali non possono esistere solo per dispensare stipendi. La loro funzione primaria deve essere quella di offrire ai contribuenti che in quella data città o provincia pagano le tasse una serie di servizi pubblici, individuali e collettivi, di adeguato livello. Per farlo, ovviamente, ci vuole personale in misura adeguata (e non sovradimensionata). E appunto il punto di partenza non può essere: “devo pagare i dipendenti”, ma “devo fornire questi servizi, nel modo migliore”.

Tutto ciò, però, senza risorse non si può fare. E i quattrini sono sempre meno. Il rischio, attenzione, a questo punto è davvero il tutti contro tutti. E sta al governo, in primis, assumersi serie responsabilità. Ma per ora Monti e i suoi tecnici si sono mostrati solo maestri di “scaricabarile”. Domani, vedremo.

E. G.

Ps: grazie al nostro amico Molotov, che ha sintetizzato come sempre da par suo, con ironia.

Annunci
Categorie:In primo piano
  1. 23 ottobre 2012 alle 04:48

    Intanto, in Italia, anche gli austriaci zoppicano……

  2. 23 ottobre 2012 alle 05:09

    ….la madonnina piangente di san Carlo Canavese vuol scendere in piazza con la camusso (il giallo predomina?) e il figlio della cancellieri per un anno di duro lavoro ha preso, senza fare lo schizzinoso, 3,6 milioni di euro di buona uscita……

  3. peppone
    23 ottobre 2012 alle 08:19

    Riconosco senza difficoltà nella foto Calderoli, ma la Rosi si è tinta di biondo ?

  4. anonimo (luigi rossi?)
    23 ottobre 2012 alle 08:41

    i due politichini di peynet sono davvero patetici.
    ora che salta agli occhi la loro palese inefficienza, stanno dimostrando assoluta assenza di ogni capacità e di ogni principio .
    Padania o Spagna, purchè se magna…

  5. Balduccio
    23 ottobre 2012 alle 08:55

    Da notare il di lui palese gonfiore del ventre, dovuto certamente alle abbondanti bevute di coca cola , fatte in odio alla irresistibile carriera del ministro amico della Bindi.

  6. mandrogno
    23 ottobre 2012 alle 11:37

    Forse il PD ha fatto delle scelte definitive… a furia di spostarsi verso destra, a un certo punto il federalismo fiscale non basta più

    http://www.imolaoggi.it/?p=28125

  7. e.s.
    23 ottobre 2012 alle 15:11

    penosi entrambi….

  8. ciccio
    23 ottobre 2012 alle 18:07

    ormai il PD e i suoi amministratori non sanno piu’ che cosa fare, per essere al centro dell’attenzione dei media , i due innamorati ne studiano di tutti i tipi . Una cosa di questo tipo avrebbe dovuto mettere in crisi una maggioranza politica seria di centro sinistra .. Ma come al solito ormai i partito non esistono o meglio esistono solo per spartire gli interessi propri , il resto e tutta acqua fresca. Che schifo!!!!

  9. CABIRIA
    24 ottobre 2012 alle 00:03

    Dopo la la perdita del tribunale di Casale che andrà a Vercelli, oggi un altro trionfo del tandem Filippi-Rossa, il Consiglio regionale salva Asti dalla fusione con Alessandria.

  10. Magliarossa
    24 ottobre 2012 alle 05:32

    Gentilissimo dott Grassano
    forse mi ripeto (ma stavolta lo dico per i commentatori onesti, del suo Blog); perchè non andiamo “oltre” ?, perchè non proviamo a cambiare “target” ?
    Magliarossa

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: