Home > Economia > Imprese in caduta libera: cosa può fare questa politica?

Imprese in caduta libera: cosa può fare questa politica?

29 gennaio 2013

Chiuso per fallimentoE’ un grido di dolore, una richiesta d’aiuto, un urlo di rabbia o che altro? Certamente nella mobilitazione nazionale di Rete Impresa Italia (rappresentata ad Alessandria ieri mattina dall’incontro in Camera di Commercio, “La politica non metta in liquidazione le imprese”), c’è la sintesi del momento difficilissimo che il Paese sta attraversando.

Alle porte abbiamo elezioni politiche che in tanti, fra gli cittadini-lavoratori, temono non essere risolutive, non foss’altro perché sulla scena si muovono più o meno sempre gli stessi personaggi che questo stato di cose hanno contribuito a generare. E la raffica di scandali, con ingiurie e minacce reciproche (“tu sei peggio di me, e se non la smetti tiro fuori le carte”) certo non aiuta ad essere ottimisti.

Il tessuto delle piccole e medie imprese è esangue, lo sa bene chiunque ci lavori all’interno, o semplicemente provi a confrontarsi con gli addetti ai lavori, imprenditori e lavoratori.

“In tutta la provincia ci sono in costruzione al massimo un paio di nuovi capannoni, l’edilizia è completamente al palo”, mi diceva l’altro giorno un serio, e scoraggiato, operatore del settore. E in tanti altri comparti i segnali sono dello stesso tenore.

Ma i politici, soprattutto quelli locali, possono fare qualcosa, oltre a presenze di testimonianza? La mia sensazione è che non sia così: perché oggi la politica viene davvero sopravvalutata, e le decisioni che contano stanno comunque in poche, pochissime mani. A voler essere cattivi a tutti i costi, si potrebbe dire che il politico di piccolo-medio cabotaggio vive già da un po’ di millantato credito: sa di non contare nulla, ma per tanti intuibili motivi gli spiace confessarlo. E i più seri cercano almeno di svolgere una funzione di ascolto, e di amplificazione del disagio.

Come si possa uscire da questa situazione di crisi strutturale è davvero difficile dirlo. Ci sono i teorici del crollo, secondo i quali solo arrivando sul fondo (con un evento traumatico che, più che guerra, potrebbe oggi chiamarsi crack finanziario del sistema), poi si potrà ripartire da zero. Ma è uno scenario da incubo, che “taglierebbe le gambe” a più di una generazione, e produrrebbe uno scenario di indigenza di massa.

Molto più sensato, dunque, lavorare ad uno scenario di riforme strutturali e infrastrutturali vere. Quelle che sono mancate negli ultimi vent’anni in questo Paese, e alle quali oggi qualcuno vorrebbe ovviare facendo pagare un conto salatissimo alle classi più deboli, e al mondo delle piccole e medie imprese.

E’ qui che servirebbe, appunto, la Politica. Ma quella con la P maiuscola, di cui in Italia (se mai l’abbiamo conosciuta) si sono perse le tracce da diversi decenni. Giusto dunque insorgere, con un cahier de doléances e un elenco di richieste esigenti e puntuali. Ma è sufficiente, quando ci si rende conto che dall’altra parte c’è un muro di conservazione, vecchie “malabitudini”, incompetenza? Ho l’impressione, parlando con imprenditori anche solidi (ce ne sono ancora per fortuna, magari spaventati dal contesto e dubbiosi sul da farsi, ma ci sono) che la fiducia nei confronti di questa politica sia ai minimi (ma va?), ma che al contempo non ci sia ancora, ad Alessandria come a Roma, la capacità di elaborare proposte e vie d’uscita alernative. Insomma, siamo ormai nella fase della manifestazione plateale di un disagio diffuso. Ma manca la scintilla, il progetto condiviso in cui le forze migliori di questo Paese possano idenficarsi, tornando a crederci, e ad investire. Brutta situazione di stallo!

E. G.

Chiuso per fallimento

Annunci
Categorie:Economia
  1. Giancarlo
    29 gennaio 2013 alle 06:52

    Cosa può fare questa politica? Nulla!
    Siamo già dominati (per ora solo finanziariamente) dai tedeschi e dagli americani, almeno su questo punto Monti è stato onesto e credibile.
    Il governo qualunque sia, da marzo in poi dovrà passare per forza dalla sua regia, diversamente saremo lasciati al nostro triste destino.

    • Graziella (gzl)
      29 gennaio 2013 alle 08:44

      il grave problema che si prospetta a mio parere, è che il prossimo governo sarà un governo “balneare” perchè dalle urne uscirà un pot pourri, una miscelaza per niente omogenea, litigiosa anche nell’insieme di una coalizione con l’aggiunta di “extraterresti” : i cinque stelle. Quindi un anno…un anno e mezzo eppoi il nuovo presidente della repubblica dovrà o sciogliere le camere o formare un nuovo governo tecnico come nel 1995 con Dini e nel 2011 con Monti. Questo è il futuro, a mio parere.

  2. anonimo (luigi rossi?)
    29 gennaio 2013 alle 09:38

    questa politica squallida e parassitaria, e spesso corrotta e delinquenziale, potrebbe fare una sola cosa: SCHIATTARE.
    Ma purtroppo non lo farà, resteranno a succhiarci il sangue fino all’ultima goccia, e poi si venderanno anche le nostre ceneri.
    La conferma è palese: basti pensare che un qualsiasi trombato alle comunali della sua città, con numeri ridicoli, rischia di diventare un ricchissimo mantenuto in parlamento.

  3. Claudio Martinotti Doria
    29 gennaio 2013 alle 16:29

    Io in parte appartengo alla categoria (flessibile peraltro) dei teorici del collasso sistemico, del Crack Up Boom come definito dalla Scuola Economica Austriaca, ma non per questo non auspico soluzioni meno traumatiche, solo che non vedo soluzioni all’orizzonte, se non il Movimento 5 Stelle sostenuto da Grillo che è l’unico ad aver manifestato interesse per le PMI che andrebbero sostenute almeno a livello fiscale e finanziario con i punti che ha esposto nei giorni scorsi e che sono facilmente reperibili in rete. Inoltre per reperire i fondi necessari per risollevare il welfare pubblico negli ambiti essenziali ha un giusto programma di riduzione delle spese militari e opere publbiche inutili (Terzo Valico, TAV, ecc.) e confisca dei patrimoni accumulati indebitamente dai politici che hanno svolto ruoli di potere e gestione di finanze pubbiche commettendo reati. Il minimo per cominciare a cambiare il pessimo stato di cose in questo paese corrtto, degradato e con troppi parassiti autoreferenziali

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: